Come strutturare una landing page long-form per massimizzare le conversioni

Come strutturare una landing page long-form per massimizzare le conversioni

Devi creare una landing page long-form per massimizzare le conversioni ma non hai idea di quali sono le best practise da seguire? In questo articolo ho raccolto per te tutti i punti che bisognerebbe seguire quando si crea una pagina di questo tipo.

Pubblicato il 5 Novembre, 2019

Scritto da Matteo Feduzi

Ottimizzare conversioni

Le landing page con struttura long-form stanno riscuotendo sempre più successo, questo perché gli esperti di marketing hanno capito che una pagina di acquisizione breve potrebbe non essere sufficiente ad incoraggiare una conversione.

Una landing page più lunga potrebbe perciò significare molte più conversioni.

Ora la vera domanda è: come puoi organizzare i tuoi contenuti?

La lunghezza dei tuoi contenuti da sola non massimizzerà mai le tue conversioni. È come è organizzato il tuo contenuto che conta davvero.

Esistono 13 elementi da seguire quando si crea una landing page long-form e ho deciso di raccoglierli partendo dall’inizio della pagina fino ad arrivare alla sua fine.

Titolo

Questa è la caratteristica più ovvia di una landing page long-form o short-form: hai bisogno di un titolo.

La dimensione del titolo è fondamentale. Dovrebbe essere più grande di qualsiasi altro carattere. Ma non dare per scontato che dimensione e posizione siano gli unici fattori da tenere in considerazione.

Il titolo deve permettere alle persone di capire subito di cosa si parla. Se un visitatore non riesce a trovare il tuo messaggio chiave, la probabilità che continui la lettura e di conseguenza che si ottenga una conversione cala drasticamente.

Sottotitolo

Ogni grande titolo è seguito da un sottotitolo. Il sottotitolo serve a chiarire il tema chiave esposto nel nostro titolo.

Il sottotitolo deve essere sempre posizionato in prossimità del titolo principale. Solitamente viene sostituito dal brief copy.

Immagini

È molto probabile che ogni pagina con una struttura long-form abbia bisogno di immagini e queste dovrebbero apparire specialmente in cima alla pagina.

Le immagini possono influire su dove vanno gli occhi del visitatore. Proprio per questo è molto importante effettuare degli A/B test per verificare dove è meglio posizionarle.

Molte landing page utilizzano immagini a schermo intero con grande successo. La landing page di Stripe ne è un ottimo esempio.

Da notare come anche qui vengono rispettati i punti precedenti. Inoltre possiamo notare che la CTA viene posizionata a sinistra.

A primo impatto potrebbe sembrare indifferente la posizione della call to action ma in realtà, nei paesi in cui si legge da sinistra verso destra, è a sinistra che i contenuti vengono percepiti subito.

Video

I video possono migliorare di molto il tasso di conversione ma è molto importante che non siano soli in una landing page.

Il posto migliore per integrare il tuo video è senza alcun dubbio in cima alla pagina (“above the fold”).

Wistia, famoso fornitore di video hosting, integra un suo stesso video con riproduzione automatica in modo unico e originale subito di fianco al titolo, sottotitolo e CTA, con un discreto successo.

Brief copy

Il brief copy, o copy breve, è un testo solitamente lungo non più di 5 o 6 righe che spiega cosa è il prodotto o servizio e perché è fantastico.

Questo testo, molte volte, sostituisce il sottotitolo come nell’esempio di Stripe e Wistia.

Call to action

La call to action, o chiamata all’azione, viene solitamente rappresentata da un bottone e dovrebbe essere assolutamente presente nella prima sezione della pagina.

È consigliato inserire sempre la call to action all’inizio della pagina perché potrebbero esserci visitatori già sicuri di volersi convertire.

Stripe utilizza in modo molto efficace questo meccanismo.

Landing page di Stripe
Landing page di Stripe

Da notare inoltre che quando si parla di CTA è sempre bene non inserirne più di due con obiettivi diversi, meglio ancora se è solo una.

Inserendo più di due call to action con reindirizzamenti differenti non faremo altro che distrarre e confondere il visitatore sul tema principale della pagina.

Trust signals

Finora la tua landing page ha attirato l’attenzione e la curiosità dell’utente ma siamo ancora alla prima sezione e non abbiamo ancora creato una struttura long-form, vediamo di approfondirla.

Ora è molto importante guadagnare la fiducia dei visitatori. Un utente può acquisire fiducia nel tuo brand in vari modi ma quello più convincente è senza alcun dubbio l’attestazione da fonti esterne.

Stripe per esempio mostra tutti i suoi clienti e più rilievo possiedono questi ultimi tanto maggiore sarà la fiducia che un visitatore attribuirà a Stripe.

Esistono anche altri metodi che ti permettono di ottenere la fiducia di un utente: inserendo i brand con cui hai collaborato, le testate giornalistiche in cui sei apparso e tanto altro.

Benefici del prodotto o servizio

Ancor prima della spiegazione del prodotto o servizio penso sia molto importante definire fin da subito i benefici che otterrà l’utente. Se non esiste alcun beneficio, perché mai dovrebbe acquistare o iscriversi?

ConversionLab, un programma dedicato alla creazione di landing page, mostra i benefici del loro servizio subito dopo la prima sezione.

Spiegazione del prodotto o servizio

Gran parte del tuo copy sarà dedicato alla spiegazione del prodotto o servizio.

Gli utenti realmente interessati al tuo prodotto o servizio leggeranno sicuramente con grande attenzione questa parte di copy.

ActiveCampaign, un noto programma di email marketing, illustra con un copy molto efficace questo punto, utilizzando anche immagini illustrative anch’esse molto efficaci.

Questa sezione può essere lunga quanto vuoi, l’importante, come in tutte le cose, è non esagerare.

È molto importante considerare che questa sezione e la precedente non devono essere necessariamente separate.

Per chi è questo prodotto o servizio?

Questa sezione ha il compito di targhetizzare maggiormente il nostro cliente tipo.

Qui dovremmo andare ad elencare i motivi per cui un utente dovrebbe acquistare o non dovrebbe acquistare questo prodotto o servizio.

All’inizio potrebbe sembrare un controsenso, lo so bene, ma pensaci un attimo. Cosa succederebbe se un utente a cui non serviva il tuo prodotto o servizio si ritrovasse per qualsiasi ragione ad acquistarlo?

Molto probabilmente riceveresti un responso negativo con la quasi certezza di perdere per sempre quel cliente. Inoltre, secondo alcuni studi, un cliente insoddisfatto parlerà in modo negativo del tuo brand con altre 7 persone.

Testimonianze

Le testimonianze sono anch’esse un segnale di fiducia molto forte e possono essere di due tipi: scritte e tramite video.

Queste fanno una grande differenza e permettono di convincere maggiormente gli utenti ad effettuare la conversione.

Non esiste un’esatta posizione dove possono essere collocate, questo dipende molto dalla pagina che si intende creare.

Hotjar, un programma dedicato all’analitica dei siti web, unisce la testimonianza scritta a quella video con grande successo.

Inserisci più CTA

Ne abbiamo già parlato, lo so bene, ma questo punto è molto importante ed è necessario trattarlo con un punto tutto suo.

La CTA, o call to action, non dovrebbe essere presente solamente all’inizio della pagina ma anche alla sua fine.

Inoltre è consigliato inserirla anche tra le varie sezioni, almeno una volta ogni due/tre sezioni.

A/B test

Una volta completata la tua landing page con struttura long-form è molto importante creare delle copie di quest’ultima e variare alcuni punti come il titolo o le immagini.

Una volta completate queste pagine redirigi per ognuna la stessa percentuale di traffico e osserva quale di queste ottiene una percentuale di conversione migliore.

Una volta trovato il test “campione” ti consiglio di ridirigere lì il 75% del tuo traffico e continuare ad effettuare degli A/B test sull’altro 25%.

Conclusioni

Una volta arrivato qui dovresti aver capito che la forza di una landing page con struttura long-form non sta nella lunghezza dei contenuti ma in come essi vengono posizionati e con quale strategia.

Hai bisogno di aiuto? Contattami gratuitamente tramite la chat in basso a destra.

Quali strategie utilizzi per strutturare una landing page long-form?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *